Schermata 2014-05-27 alle 13.35.30

AIFI 18.03.2014

Il Ministero della Salute ha risposto all’interrogazione parlamentare dell’On. Binetti riguardo chiropratici e osteopatia. Relativamente alla seconda, di cui riportiamo il testo, il Ministero ha le idee chiare: l’osteopatia è attività sanitaria e come tale può essere esercitata solo da professionisti sanitari regolarmente abilitati tramite il superamento dell’esame di Stato. Ne consegue che chiunque pratichi osteopatia senza essere in possesso di una laurea sanitaria (o di un titolo ad essa equipollente) sta commettendo il reato di esercizio abusivo di professione sanitaria. La chiara posizione del Ministero chiude inequivocabilmente ogni possibilità a chi, tentando di far passare l’osteopatia, che resta un approccio non convenzionale, ancora non supportato da sufficienti prove di funzionamento e di efficacia, come una pratica “del benessere”, cercava in realtà una scorciatoia per praticare attività sanitaria, senza esservi abilitato. Nell’interesse dei Cittadini, solo i Professionisti sanitari che hanno conoscenze e competenze per occuparsi della salute degli Utenti possono praticare le attività sanitarie e cercarne la validazione scientifica. Un recente editoriale apparso su un’autorevole rivista scientifica chiosava “non esiste la medicina alternativa, esiste solo quella efficace”. Non possiamo che essere d’accordo.

Leggi l’articolo completo